rivestimento cementine

Tra i rivestimenti per il bagno o la cucina grandi protagoniste tornano le cementine. Nate alla fine dell’ 800 in Italia e presto diffuse in tutta Europa e nelle Americhe particolarmente, hanno avuto il merito di decorare le case degli italiani del boom economico. Semplici ed economici, questi rivestimenti hanno permesso di decorare case e appartamenti grazie anche alla loro facilità di posa e restituivano un effetto che ricordavano i tappeti o gli arazzi appesi ai muri delle residenze aristocratiche del secolo precedente e di un’epoca che andava ormai finendo.

Oggi possiamo ancora trovare le cementine in palazzi storici tutelati, in residenze che non hanno subito ristrutturazioni recenti o in abitazione ristrutturate i cui proprietari hanno badato alla conservazione della storicità ricercando questi vecchi rivestimenti.

Le cementine oggi

Oggi le cementine son rivisitate dai principali produttori di ceramiche in chiave tecnologica. Quindi non più cemento, polveri di marmo e ossidi di ferro ma spazio al gres porcellanato, materiale che oggi fa da padrone sia per i pavimenti sia per i rivestimenti grazie alle sue qualità di resistenza e facilità di pulizia.

Quadrate o esagonali, per pareti uniformi o in stile patchwork, questi elementi donano un tocco unico agli ambienti dove sono applicate che riporta la mente indietro, alle domeniche passate a casa di nonna.

Perfette per decorare la casa di villeggiatura in campagna che necessita di una ristrutturazione, permette di mantenere il carattere originario dell’abitazione senza perdere la possibilità di utilizzare un materiale qualitativamente superiore in termini di resistenza e praticità. Ma anche in ambienti moderni le varietà rese disponibili attualmente dai maggiori produttori ceramici permette ad architetti e arredatori di creare suggestive creazioni moderne che strizzano un occhio allo stile retrò ricercato da hipster contemporanei e amanti del gusto eclettico moderno.

L’offerta del mercato oggi

I loro motivi eleganti, geometrici o floreali hanno segnato un’epoca che oggi più che mai attira attenzioni e gradimenti tra il pubblico ed addetti ai lavori. Lo hanno capito i produttori che hanno iniziato a riprodurre i classici formati 20×20 o 25×25.

Le varietà disponibili non sono più legate essenzialmente al loro utilizzo in bagni o cucine, dove in passato si era soliti trovare le cementine, ma spaziano ormai in tutta la casa fino a rivestire i pavimenti di camere e soggiorni. Ora la decorazione non è più artigianale ma stampata in serie industrialmente, ne guadagna il prezzo e la disponibilità.

Se per delle cementine originali ci vogliono 100€ al metro quadro, per delle cementine moderne il prezzo si riduce anche ad un buon 20% del prezzo originale con disponibilità pressoché illimitate.
Il risultato non sarà ” originalmente retrò ” ma permette a chiunque di ottenere risultati ed abbinamenti altrimenti difficilmente ottenibili ed un costo accettabile come lo erano le cementine alla loro nascita.